Abiti da sposa asimmetrici: i modelli più chic per il giorno del sì [FOTO]

da , il

    Gli abiti da sposa asimmetrici hanno guadagnato un enorme successo di pubblico negli ultimi anni, modelli dallo stile giovanile e ricercato che si sono distinti in tutte le collezioni firmate dei grandi marchi. Creazioni in mikado, in tulle e organza, vestiti da sposa nel più classico bianco, versioni pastello più innovative, gli abiti asimmetrici si sono prestati nelle recenti stagioni a tantissime interpretazioni: scopriamo insieme quali sono i più belli.

    I vestiti da sposa asimmetrici si distinguono per un mood giovanile e sbrazzino, modelli che valorizzano le gambe e nelle forme giuste riescono anche a minimizzare i fianchi. Gli abiti in mikado rappresentano la prima scelta delle donne in tutto il mondo per il giorno più bello della loro vita, creazioni dallo stile minimal chic che tuttavia si prestano facilmente a essere declinate in forme più particolari.

    Lo dimostrano le novità della collezione di abiti da sposa Delphine Manivet per il 2016, una delle più ricche di abiti asimmetrici: come avrete modo di vedere sfogliando le immagini della nostra fotogallery, la maison ha premiato novità dallo stile anni ’70 con maniche lunghe oppure corte e gonna plissè a ruota più corta nella parte anteriore e lunga in quella posteriore.

    Gli stessi giochi di simmetrie e alternanza di lunghezze segnano i modelli della collezione 2016 di abiti da sposa firmata Yolan Cris, vestiti dallo stile più audace previsti principalmente con lavorazione mesh semitrasparente cui fanno eco le versioni altrettanto uniche di David Fielden e Pnina Tornai. David Fielden preferisce vestiti con gonne più lunghe su una gamba e corte sull’altra, mentre Pnina Tornai punta su vestiti strutturati con gonne che diventano nuvole di tulle con rouches e volants sovrapposti.

    Carlo Pignatelli ha inserito nelle sue recenti collezioni diversi modelli di abiti asimmetrici: si tratta di creazioni con corpetti strapless rivestiti da inserti preziosi e persino di modelli con gonna a tubino corta e aderente fiancheggiata da strati di tulle che lasciano le gambe scoperte, il tutto anche in colorazioni diverse dal bianco come il rosa e persino il nero. Alessandra Rinaudo dà ai suoi modelli un’impronta più giovanile: spazio ad abiti con grandi gonne a ruota plissè che si fermano sulle ginocchia per poi continuare nella parte posteriore con uno strascico lungo in tulle e organza, lo stesso tipo di forma che torna anche da Rosa Clarà e Emè di Emè.

    Abiti a maniche lunghe dai tagli innovativi per Alessandro Angelozzi Couture, modelli dallo stile più romantico e bon ton per Aurora e Nicole Spose. Quale abito da sposa asimmetrico sognate di indossare nel giorno più bello della vostra vita?