Bomboniere solidali create dai ragazzi disabili

da , il

    Bomboniere solidali

    Un modo per fare del bene e aiutare chi è meno fortunato di noi: scegliere le bomboniere solidali significa anche voler condividere il giorno più importante della nostra vita, con un pensiero anche alle persone più sfortunate. Oggi vi voglio parlare di un’interessante iniziativa che coinvolge gli ospiti del centro Oda Villa San Luigi e che hanno realizzato delle bomboniere riciclando la cera delle plafoniere del Duomo di Volterra. Un successo incredibile nato quasi per caso: i ragazzi infatti avevano fatto queste bomboniere come ringraziamento ad una coppia che aveva fatto una donazione. Evidentemente sono piaciute molto perché ormai sono diventate richiestissime.

    I ragazzi disabili che le realizzano ovviamente sono molto soddisfatti: per tutti coloro che sono interessati potete contattare per info e prenotazioni il numero 055-45138.

    3.

    “Per noi dell’Oda adesso si è aperta una nuova sfida. Far sì che tanto entusiasmo ed impegno possa al più presto trovare più concrete forme di realizzazione e sviluppo. Le problematiche legate all’inserimento nel mondo del lavoro delle persone con disabilità intellettiva sono infatti ancora tutt’altro che risolte e gli inserimenti lavorativi sono ancora troppo pochi e spesso di complessa realizzazione” sottolinea la dottoressa Giovanna Sorrentino, direttrice sanitaria del centro.

    L’Oda ha da poco anche avviato il progetto finanziato dalla Regione Toscana “Network per le persone diversamente abili in Toscana, avvio di una strategia di stakeholder engagement” finalizzato all’inserimento lavorativo dei ragazzi disabili.

    “Spesso le cause della mancata inclusione della persona disabile nel mondo del lavoro siano da ricercare in epoche molto lontane dalla maggiore età e che quindi è forse giunto il momento per una riflessione più approfondita e sistematica sulla globalità del complesso percorso di presa in carico sanitaria-assistenziale della persona disabile” spiega la dottoressa Sorrentino.

    Un’idea davvero bella per contribuire ad offrire sostegno e soddisfazione a questi ragazzi.

    Fotografie tratte da

    Il Reporter.