Frasi matrimonio spiritose: quando il sorriso è importante

da , il

    Frasi più divertenti

    Oggi vi voglio proporre le frasi più divertenti per augurare un matrimonio felice e gioioso ai vostri amici che stanno per compiere questo grande passo: prima di tutto vi consiglio di accertarvi dell’ironia dei vostri amici. Alcune delle frasi proposte sono infatti volutamente ironiche e provocatorie e possono fare molto ridere, ma nello stesso tempo anche arrabbiare i destinatari: per non rovinare un giorno così importante, accertatevi bene del loro stato d’animo! Ecco le frasi più belle da non dimenticare.

    Sposarsi è ancora di moda ? Evidentemente si; da scapolo impenitente, sono felice per voi !

    Congratulazioni! Ce l’avete fatta…adesso tenetevi stretti e amatevi sempre

    Il matrimonio è la causa principale del divorzio. Boris Makaresko

    Il divorzio risale probabilmente alla stessa epoca del matrimonio.Ritengo, comunque, che il matrimonio sia più antico di qualche settimana.(Voltaire)

    Il matrimonio ha molti dolori, ma il celibato non ha gioie.(Samuel Johnson).

    “Non sappiamo cosa fanno uomini e donne in paradiso. Sappiamo soltanto che non si sposano.” (J. Swift)

    “Bigamia è avere una moglie di troppo. Monogamia è la stessa cosa.” (O. Wilde)

    Avete voluto il TANDEM e allora pedalate…

    Originale, innovativo, tecnologico… Cos’altro dire di un regalo fatto su internet … Ma allora perché vi sposate in Chiesa ? … un luogo così scontato!

    Il matrimonio è un combattimento ad oltranza, prima del quale gli sposi domandano al cielo la sua benedizione. (Honorè De Balzac)

    Non sono favorevole al lunghi fidanzamenti: danno l’opportunità di scoprire il carattere l’uno dell’altro prima del matrimonio, il che non è mai auspicabile. (Oscar Wilde)

    Quale rovina per l’uomo è il matrimonio! Esso lo abbruttisce quanto le sigarette, e costa molto di più. (Oscar Wilde)

    Vent’anni d’amore rendono una donna simile a un rudere, ma vent’anni di matrimonio la rendono simile a un monumento pubblico. (Oscar Wilde)

    Dolcetto o scherzetto?