Garini della Sforzesca, perchè si sono divisi?

da , il

    garini miccio divisi

    Ormai saprete che i Garini della Sforzesca si sono divisi: i wedding planner più famosi d’Italia infatti hanno deciso di separarsi, professionalmente parlando. Ma quale è stato il motivo vero della rottura? Enzo Miccio e Angelo Garini, secondo le fonti ufficiali hanno semplicemente preso strade diverse rompendo l’idillio che li aveva fatti diventare le star del programma Wedding Planners. Entrambi però proseguono la carriera: Enzo Miccio continua il programma Wedding Planner su Real Time e Angelo Garini è protagonista su Wedding TV. Evidentemente in un solo programma non c’era spazio per due prime donne piene di creatività come loro…

    Enzo ed Angelo si sono uniti nel 2001 e per qualche anno hanno formato la coppia più simpatica della televisione: sono stati loro a fare conoscere il termine Wedding Planner a moltissime persone e i loro libri hanno avuto un grande successo.

    Enzo Miccio, napoletano, è un designer di eventi ed Angelo Garini è invece un architetto milanese: insieme formavano una squadra imbattibile ma probabilmente le diverse esigenze lavorative li hanno fatti separare. I più attenti avranno notato che nelle ultime puntate della serie i due non facevano altro che tirarsi frecciatine: la soluzione migliore è quindi stata quella di dividere le loro strade.

    Niente paura comunque, possiamo continuare a seguire le avventure dei due e i loro consigli di stile, per tutti coloro che vogliono un matrimonio bellissimo ed indimenticabile. Enzo Miccio lo possiamo ritrovare nella trasmissione Wedding Planners e Angelo Garini ora conduce su Wedding Tv di Sky (canale 426 di Sky) la trasmissione intitolata ‘Matrimoni di Stile‘.

    “Gli sposi sono i padroni di casa e devono fare il possibile perché gli ospiti siano pienamente a proprio agio” ama ripetere Angelo Garini che consiglia anche agli sposi di stare molto attenti alle tempistiche del ricevimento: 60 minuti di cerimonia, 90 minuti di aperitivo e 75 minuti di cena.

    Dolcetto o scherzetto?