Malika Ayane si è sposata a Las Vegas: a dicembre il matrimonio in Italia

da , il

    matrimonio malika ayane las vegas

    Dopo tanto gossip finalmente arriva la conferma: la cantante Malika Ayane si è sposata la scorsa estate, in gran segreto a Las Vegas e a dicembre arriverà anche il matrimonio ufficiale in Italia. La conferma arriva dalla stessa cantante che così ha definitivamente chiuso la storia con Cesare Cremonini e ha invece deciso di passare la sua vita con il regista Federico Brugia. A Vanity Fair la cantante racconta la sua nuova vita. La coppia sta insieme da pochissimo, solo sei mesi, anche se si conoscono da anni: Malika e Federico si sono avvicinati appena dopo la fine della storia con Cremonini.

    “Questa estate abbiamo celebrato il matrimonio nella cappella di un albergo, ma il primo dicembre ci saranno le vere nozze, in Comune, a Milano” ha infatti detto Malika che ha decisamente dato una svolta importantissima alla sua vita.

    Ed è proprio la cantante a spiegare il suo rapporto con il neo marito: “Con Federico ci conosciamo da anni, lui ha girato tutti i miei video. Ci siamo sposati a fine agosto, a Las Vegas, ed è stato divertente. Io ero in bianco e jeans, lui invece ha noleggiato lo smoking più brutto del mondo. La cerimonia l’ha officiata un prete donna, che nonostante tutto era serissima”.

    Dopo le nozze a Las Vegas, che però in Italia non sono valide, arriverà il matrimonio vero, in comune a Milano: “Ci sposeremo a Milano, a Palazzo Reale, è la prima volta per entrambi”.

    Parla anche della storia con Cesare Cremonini sulla cui fine ha sempre aleggiato un velo di mistero: “E’ stata importante, ma a volte non basta tutto l’amore del mondo. Ci siamo lasciati alla fine del 2010. Ci siamo guardati in faccia e abbiamo capito che era meglio lasciarsi. Ma ci sentiamo ancora”.

    Entusiasta della nuova vita e del matrimonio la cantante parla anche del marito, che ha diretto anche il famosissimo spot che ha come protagonista Rocco Siffredi: “Rocco è il mio idolo, ma se mia nonna legge questa intervista ci rimane malissimo”.