Matrimonio contadino 2011: la rievocazione storica di Castelrotto

da , il

    matrimonio contadino siusi

    La rievocazione storica del “Matrimonio contadino” tradizionale si celebra il 16 gennaio 2011 a Castelrotto, un grazioso paesino ai piedi dell’Alpe di Siusi. Oggi la montagna è sinonimo di vacanze sulla neve, di passeggiate, ma anche di soggiorni esclusivi. Non è sempre stato così. Un tempo la vita sui monti non era così facile e chic. Uno degli avvenimenti più importanti per la comunità era proprio il matrimonio che si svolgeva tra riti e tradizioni davvero molto originali e al tempo stesso sentiti. Il matrimonio contadino è diventato un appuntamento turistico di grande richiamo.

    Come è strutturato il matrimonio contadino? I paggetti, le bambine con l’abito bianco e i maschietti con pantaloni in loden neri e le camicie di ciniglia con i fiorellini, precedono nel corteo nuziale la coppia di promessi sposi. Ogni ospite deve indossare un abito tradizionale, che a seconda del rango può essere diverso: un tripudio di colori, piume, coccarde, nastri e ricami, catene e spille.

    Il corteo bardato a festa non può che partire, intorno alle 14, dalla chiesetta di San Valentino, il protettore degli innamorati. Tutti gli invitati giungono nella piazza di Castelrotto, dove si celebra la cerimonia nuziale vera e propria. Ci sono le slitte e gli strumenti a fiato. Una vera meraviglia, che si può trovare solo le nozze in montagna.

    I festeggiamenti poi continuano in una tipica stube, dove si gusta un banchetto a base di specialità locali, che non possono mancare in un Hoazetkuchl che si rispetti. Tra i piatti, i canederli al grano saraceno e fegato di vitello, minestra di gulasch e pane nero di segale, composta dolce e krapfen delle feste. Se siete interessati a passare il weekend in questa zona, sappiate che i ristoranti Posthotel Lamm e Zum Turm propongono i piatti tradizionali che venivano serviti in occasione del matrimonio contadino.

    Dolcetto o scherzetto?