Matrimonio in diretta grazie ad internet a Pompei Expo 2010

da , il

    Matrimonio in diretta

    Cosa ne dite di un matrimonio in diretta? Anche se non siete William d’Inghilterra e la sua Kate, potete comunque avere degli spettatori, anche lontani per il vostro grande giorno! Come fare? E’ semplicissimo: oramai sappiamo bene come, con internet, le distanze sia siano accorciate in modo esponenziale. Il nuovo servizio che consente di connettere i vostri amici e parenti che vivono lontani e di mostrare loro il vostro grande giorno, sarà presentato a Pompei Expo 2010, in programma dal 4 al 12 dicembre. Un’idea davvero originale per non perdere un giorno e un momento importantissimo anche se a 10000 chilometri di distanza.

    Vi basterà una webcam ad alta risoluzione da sistemare alla perfezione nella location del ricevimento: i vostri amici e parenti non dovranno fare altro che collegarsi tramite un computer ovunque si trovino per gustare i momenti più belli del vostro grande giorno.

    Non perdete quindi una visita al Pompei Expo 2010 che, ricordiamo, si svolgerà dal 4 al 12 dicembre nell’area espositiva del Santuario di Pompei.

    L’Hotel Imperiale di Terzigno (Napoli) ha infatti lanciato questo servizio per gli sposi: la cosa interessante è che il servizio di webcam è incluso nel costo del ricevimento che sceglierete!

    “In sala ricevimenti – spiega il titolare – ci sono due telecamere wireless alle quali, tramite il nostro sito web, si può accedere da un qualsiasi computer collegato ad internet, attraverso una password che forniamo solo agli sposi. Saranno loro, in occasione della cerimonia, a comunicarla ai parenti o agli amici che vivono lontano per permettergli di seguire comodamente da casa tutta la cerimonia e i festeggiamenti”.

    “Già in diverse occasioni abbiamo sperimentato con successo questo servizio con collegamenti dal nord Italia, ma anche dalla Gran Bretagna, dalla Germania, dall’India e dall’Argentina. In alcuni casi il server è stato subissato di connessioni: anche amici e conoscenti dei parenti residenti all’estero erano curiosi di assistere ad una festa di nozze che si svolgeva secondo la tradizione italiana”.

    Dolcetto o scherzetto?