Nozze gay, anche il Maryland dice sì

da , il

    maryland nozze gay

    Arriva il sì anche dal Maryland che diventa così l’ottavo Stato americano a legalizzare le nozze gay. Sono arrivate proprio ieri le decisioni in merito del governatore democratico Martin O’Malley che ha firmato la legge. Dopo Connecticut, Iowa, Massachusetts, New Hampshire, Vermont, New York e lo Stato di Washington, anche il Maryland ha fatto un passo importantissimo per i diritti dei gay e delle minoranze. Noi ci auguriamo che non sia un caso isolato e che molti atri Stati continuino su questa linea.

    “Se c’è un filo che unisce le storie dei nostri compatrioti, è quello della dignità umana, della dignità sul lavoro, della dignità nella famiglia, della dignità in ogni focolare in cui vive un bambino, della dignità di tutti gli individui”, ha detto il governatore in una nota.

    Per la legge però bisognerà attendere il prossimo gennaio 2013, data in cui si potrà iniziare a celebrare i matrimoni tra persone dello stesso sesso.

    Nello Stato americano negli ultimi mesi si era anche scatenata una campagna conservatrice dei candidati repubblicani alle primarie per le presidenziali. Temi molto forti che questa parte politica ha tentato di osteggiare: oltre, chiaramente, al matrimonio gay, si sono schierati anche contro la contraccezione, guidati dal conservatore Reick Santorum.