Nozze gay in chiesa: le prime celebrate a Trapani

da , il

    Lesbian wedding cake

    È stata una cerimonia simbolica, soprattutto perché è la prima volta che in una chiesa in Italia si è svolto un matrimonio gay. Le protagoniste sono due signore che sono riuscite a far benedire la loro unione in una Chiesa Valdese a Trapani. Le nozze si sono celebrate circa un paio di mesi fa (7 aprile) ma la notizia è stata resa pubblica solo ora. Il motivo che ha spinto il pastore della chiesa Valdese ad accettare la celebrazione si fonda su un principio etico e religioso: “Dio vuole l’amore, non lo giudica”. Per l’Italia questa unione ha davvero un significato profondo e può essere il segno di una prima apertura, così come è stato qualche mese fa il gesto di Chiamparino. Ma vediamo come sono andate le nozze.

    Prima di tutto le due spose sono di nazionalità tedesca, di conseguenza le celebrazioni sono state fatte in italiano e tedesco. Già questo ha reso molto il senso dell’apertura culturale. Non hanno indossato l’abito da sposa, come spesso avviene negli stati uniti o nei Paesi del Nord Europa dove i matrimoni lesbici sono riconosciuti.

    Per le signore un semplice tailleur di seta grigio scuro e un abito nero elegante a fiori rossi. Hanno invitato circa duecento persone, giustamente vestite a festa. In chiesa gli addobbi sono stati minimi, ma hanno richiesto un trio musicale.

    L’unione tra le due donne era già valida da un punto di vista civile, grazie alle coppie di fatto riconosciute in Germania che garantisce agli omosessuali molti diritti, come quello di potersi registrare in Comune come “coppia” e quello all’eredità del partner.

    Foto tratta da out.com

    Dolcetto o scherzetto?