Panico da matrimonio, come si manifesta

da , il

    Il giorno delle vostre nozze si sta avvicinando. Avvertite la tensione e la paura. Capita a tutti i futuri sposi si chiama panico da matrimonio. Le cause sono numerose: l’incognita di una vita a due, che potrebbe non funzionare, lasciare la propria routine e poi l’organizzazione e la maniacale ricerca della perfezione per quel giorno.

    Studiare l’evento in modo dettagliato per alcuni è molto divertente per altri, invece, è una fonte incredibile di stress. Affidarsi al wedding planner e delegare può essere un buon modo per scaricare la tensione, ma non tutti possiamo permettercelo. Resta poi la paura che non sempre siano interpretati i nostri desideri.

    Arrivati davanti all’altare subentra poi un altro tipo di panico: “riuscirò a pronunciare le promesse nel modo giusto?”, altri invece “e se dovessi sbagliare nome?”, oppure se “se dovessi inciampare lungo la navata e sulle scale della chiesa”. Dubbi su dubbi, più o meno sciocchi, che ci trasformano in tese corde di violino. Sempre che non bussi alla porta il timore di non star facendo la cosa giusta.

    Troppo spesso si pensa che il matrimonio sia un punto di arrivo, al contrario: è un punto di partenza per la coppia. Quello che si costruisce è molto diverso da ciò che si faceva prima con due esistenze separate, è la vera ‘comunione`. Il cambiamento è forte, ma va gestito, perché non si perde nulla ma semplicemente si condivide”, spiega la psicologa Emanuela Mencaglia, psicologa dell`Irccs Istituto Clinico Humanitas, a Salute24.

    Dolcetto o scherzetto?