Pranzo di nozze: meglio breve e leggero

da , il

    pranzo nozze perfetto

    Pranzi di nozze interminabili che non vi lasciano neanche la forza di alzarvi per fare due passi? Oltre ad essere dannosi per la nostra linea, ormai sono anche decisamente fuori moda. Anche i più tradizionalisti de devono arrendersi all’evidenza: ormai nessuno ha più voglia si rimanere inchiodato al tavolo per 5 ore e sorbirsi decine di portate che non ci fanno neanche più apprezzare quello che abbiamo nel piatto. Cibi leggeri e digeribili, aperitivo in piedi e poche portate, renderanno molto più felici i vostri ospiti, non c’è dubbio!

    “Le vittime dei pranzi di nozze interminabili aumentano e urge correre ai ripari per rivisitare lo stile enogastronomico delle tavole nuziali”, ecco il monito del movimento dei consumatori e della rivista Papillon, che hanno stilato le dieci regole per chi vuole un pranzo di nozze all’insegna della sostenibilità e della digeribilità.

    Il sondaggio è stato svolto tra i principali catering e i ristoranti italiani del ‘Golosario 2011′ che verà presentato nella 35/a edizione di Expo Riva Hotel, in programma a Riva del Garda, in Trentino, fino al 2 febbraio.

    Sempre di moda e consigliato il finger food mentre cinque è il numero perfetto delle portate: due antipasti, un primo, un secondo e dolce. I cibi poi vanno scelti per la loro leggerezza e devono anche essere facilmente digeribili.

    Il menù però è sempre molto classico: pesce per gli antipasti, il risotto tra i primi e gli arrosti nei secondi.

    Tavola apparecchiata alla perfezione secondo uno stile tradizionale, camerieri e sommelier di grande esperienza completeranno il vostro evento perfetto.

    Dolcetto o scherzetto?