Preghiere e poesie per il vostro matrimonio in Chiesa

da , il

    bacio sposi nozze chiesa poesie

    Preghiere e poesie bellissime per rendere unico il vostro matrimonio e magari da far leggere ad un vostro caro amico: oggi vi proponiamo infatti le poesie più romantiche ma anche quelle con un significato profondo che rimandano ovviamente al concetto di matrimonio e di unione. Sul vostro libretto non dimenticate di fare stampare anche una poesia o una preghiera che rappresenti la vostra coppia: sarà un dono e un ricordo bellissimo per i vostri invitati che conserveranno per sempre il libretto in memoria della vostra giornata perfetta.

    Preghiera dei fidanzati (G. Perico)

    Signore, ti ringraziamo d’averci dato l’amore.

    Ci hai pensato «insieme»

    prima del tempo, e fin d’ora

    ci hai amati così, l’uno accanto all’altro.

    Signore, fa’ che apprendiamo l’arte

    di conoscerci profondamente;

    donaci il coraggio di comunicarci

    le nostre ispirazioni, gli ideali,

    i limiti stessi del nostro agire.

    Che le piccole inevitabili asprezze dell’indole,

    i fugaci malintesi, gli imprevisti

    e le indisposizioni non compromettano mai

    ciò che ci unisce, ma incontrino, invece,

    una cortese e generosa volontà

    di comprenderci.

    Dona, Signore, a ciascuno di noi

    gioiosa fantasia per creare ogni giorno

    nuove espressioni di rispetto e di premurosa

    tenerezza affinché il nostro amore brilli

    come una piccola scintilla

    del tuo immenso amore.

    Sul matrimonio (da “Il Profeta” di Kahlil Gibran )

    Voi siete nati insieme e insieme starete per sempre.

    Sarete insieme quando le bianche ali della morte disperderanno i vostri giorni.

    E insieme nella silenziosa memoria di dio.

    Ma vi sia spazio nella vostra unione,

    E tra voi danzino i venti dei cieli.

    Amatevi l’un l’altro, ma non fatene una prigione d’amore:

    Piuttosto vi sia un moto di mare tra le sponde delle vostre anime.

    Riempitevi l’un l’altro le coppe, ma non bevete da un’unica coppa.

    Datevi sostentamento reciproco, ma non mangiate dello stesso pane.

    Cantate e danzate insieme e state allegri, ma ognuno di voi sia solo,

    Come sole sono le corde del liuto, benché vibrino di musica uguale.

    Donatevi il cuore, ma l’uno non sia di rifugio all’altro,

    Poiché solo la mano della vita può contenere i vostri cuori.

    E siate uniti, ma non troppo vicini;

    Le colonne del tempio si ergono distanti,

    E la quercia e il cipresso non crescono l’una all’ombra dell’altro.

    Dal Cantico dei Cantici (8,6-7)

    Mettimi come sigillo sul tuo cuore

    Come sigillo sul tuo braccio;

    perché forte come la morte è l’amore,

    tenace come gli inferi è la passione;

    le sue vampe son vampe di fuoco,

    una fiamma del Signore!

    Le grandi acque non possono spegnere l’amore

    né i fiumi travolgerlo.

    Se uno desse tutte le ricchezze della sua casa

    In cambio dell’amore

    Non ne avrebbe che dispregio.