Quali fedi scegliere per il matrimonio

da , il

    La lista degli invitati è completa, avete confermato il catering e la location, il vestito è già scelto ed ora mancano solo le fedi. Se pensate che sia un dettaglio da risolvere velocemente…vi sbagliate!

    Qualche anno fa per i futuri sposi in effetti non c’era molta scelta: le classiche francesine d’oro giallo erano un must.

    Oggi al contrario rischiate di perdervi danti alle innumerevoli proposte delle gioiellerie: oro bianco, giallo, rosa o platino, bombate, squadrate, con i diamanti, a tre colori…e potrei continuare all’infinito.

    Le più gettonate sono comunque: la fede classica in oro giallo o bianco, a fascia, con i bordi smussati; la francesina, più sottile e leggermente bombata; la mantovana, più alta e più piatta; la fede incrociata, con tre cerchi d’oro giallo, rosso e bianco; la fede eternity con diamanti incastonati intorno all’anello.

    Al di là delle tendenze moda, non dimenticatevi comunque che le fedi hanno un importantissimo significato simbolico: rappresentano infatti una promessa eterna che va rinnovata giorno per giorno.

    Vanno portate all’anulare sinistro e sono il segno pubblico di un’unione solida e d’amore. Nella parte interna vanno incisi i nomi (il tuo sulla fede dello sposo e viceversa) degli sposi e la data del matrimonio. Solitamente è il testimone che si premura di conservarle e portarle in chiesa il giorno delle nozze.

    Personalmente credo che la fede, proprio perché di fatto è un simbolo eterno, non debba essere troppo ricercata o modaiola. Via libera quindi alla classica francesina d’oro giallo (se vi piace ci sono anche tante varianti in oro bianco e platino).

    Allo stesso modo ritengo che sia meglio che gli sposi scelgano un modello uguale: capita spesso che la sposa desideri qualcosa di più elaborato, magari con diamanti, e di conseguenza lo sposo opti per una versione simile ma più sobria.

    Un consiglio: tenete i diamanti per il primo anniversario di matrimonio e, per il giorno delle nozze, puntate sulla semplicità. Non sbaglierete!