Ricevimento, come disporre i posti a tavola

da , il

    Tavolata lunga

    Come assegnare i posti a tavola? Ci vuole davvero un lavoro da ragioniere e comunque facciate, qualcuno non sarà felice, preparatevi. La prima cosa è stabilire il numero esatto di invitati, sarebbe tremendo lasciare dei tavoli parzialmente vuoti, con ospiti in solitudine, durante tutto il pranzo. Una volta deciso il numero, e ricevute le conferme, potete decidere come distribuire l’allestimento. Sta tornando molto di moda la tavolata unica: lunga e decorata con stile. Se devo dirvi la verità, da un punto di vista scenico è bella, ma non molto comoda per parlare o per girare a salutare.

    Se poi il vostro problema è che la zia di lei sta antipatica alla mamma di lui, mentre il cugino di lei non lo sopportano i testimoni e di lui e di lei. Lì allora c’è molto da lavorare, moltissimo. Ricordatevi che i ricevimenti, corti che siano, sono comunque troppo lungo per ammorbare una persona facendola sedere accanto a qualcuno che non sopporta. C’è da dire che se il tavolo è ben amalgamato, il mix può riuscire lo stesso.

    Il tavolo classico nuziale è a ferro di cavallo con gli sposi seduti al centro del lato lungo. Accanto a lei deve avere lui alla sinistra e il suocero alla destra, mentre la mamma della sposa dovrà sedere accanto al neo marito, seguono poi i testimoni e gli invitati.

    Poi ci sono le tavolate rotonde, dove è giusto riservarne uno per la famiglia che si è unita con i due piccioni. Evitate il tavolo giovani, se i ragazzi hanno più di 16/17 anni. Diventa davvero una noia.