Sempre meno matrimoni in Italia, ecco l’allarme della Cei

da , il

    matrimonio chiesa Sacro Monte Orta

    Sempre meno matrimoni in Italia, con unioni quasi dimezzate negli ultimi anni: ecco il quadro della Cei dalla ricerca sulla demografia in Italia dal titolo ”Il cambiamento demografico. Rapporto-proposta sul futuro dell’Italia” (Laterza, Bari-Roma 2011), che è stata curata dal Comitato per il progetto culturale della Cei. Le coppie preferiscono sempre più spesso la convivenza al matrimonio, forse anche per il problema della crisi economica. Di conseguenza, sempre per lo stesso motivo, nascono sempre meno figli e la famiglia, intesa nel modo tradizionale, rischia di scomparire.

    Secondo gli studiosi infatti ”il grande fenomeno che fa da sfondo al panorama del cambiamento demografico nell’Italia del XXI secolo” è sempre legato all’invecchiamento della popolazione: ”La transizione dal sorpasso (già realizzato) tra nonni e nipoti a quello (in un futuro non così lontano) tra bisnonni e pronipoti”.

    Anche i matrimoni sono in forte calo forse anche per le poche certezze economiche cha hanno le coppie molto giovani. In Italia infatti nascono meno di 600 mila bambini l’anno (561.944 nel 2010, secondo l’Istat, dato in progressivo calo dagli anni Settanta quando toccava i 900 mila), 150 mila in meno di quanto servirebbero ”solo per garantire l’attuale dimensione demografica”.