Sono di Carlo Pignatelli gli abiti da sposo del film “La peggiore settimana della mia vita”

da , il

    abiti pignatelli film

    Sono di Carlo Pignatelli gli abiti da cerimonia di Fabio De Luigi e Alessandro Siani, i protagonisti della commedia italiana che tutti i futuri sposini dovrebbero vedere: “La peggiore settimana della mia vita“. Un film comico dedicato ai giorni concitati che precedono il giorno più importante della vita di una coppia. Pignatelli si conferma uno degli stilisti più amati per gli abiti formali e per il matrimonio ma conferma anche il suo stretto rapporto con il mondo del cinema e dei vip. Un motivo in più per andare al cinema a vedere “La peggiore settimana della mia vita”, una commedia tutta italiana che promette di fare concorrenza a quelle di oltreoceano.

    L’anima delle collezioni Cerimonia Uomo e Donna Carlo Pignatelli è una forte vocazione che nasce dal desiderio di creare un abito che dia atmosfera in un momento importante come l’unione di due anime. Fiorinda dal suo canto vive alimentata da una sposa dai gusti tradizionali e molto ricercati. Stimolo, questo, suggerito dal nome di mia madre che dà il nome alla collezione” ha detto lo stilista.

    Pignatelli, in una recente intervista ha anche parlato dell’anima delle sue collezioni uomo: “La tradizione è appunto legata all’antropologia delle persone, perciò ricca di legami e forti sentimenti. L’equilibrio che io creo tra tradizione e innovazione segue una morale che non distrugge ideali, ma anzi fa avvicinare la cultura dell’uomo ad un aspetto più innovativo della cerimonia e degli abiti che possono esaltare l’evento stesso. Quest’equilibrio non deve mancare, altrimenti non ci sarebbero ideali da seguire che diano una giusta filosofia al matrimoni”.

    Lo stilista conferma di avere uno stretto legame con il mondo vip e con gli uomini più celebri che si sono spesso rivolti a lui: “Mi riesce difficile pensare ad un personaggio che identifichi il marchio dopo averne vestiti tanti, ma se proprio devo menzionarne qualcuno, mi viene da pensare a Diego Abatantuono, Stefano Bettarini, Fabrizio Ravanelli, Antonio Cabrini, Antonio Conte, Christian De Sica, Paolo Belli, Giorgio Faletti…”

    Dolcetto o scherzetto?