Spese matrimonio, celebrare in Comune a Padova nel week end costa fino a 800 euro

da , il

    Comune palazzo Moroni

    Ci si potrà sposare anche nel week end a Padova nella cornice della sala Paladin di palazzo Moroni: la giunta comunale però ha anche messo una “tassa” sui matrimoni di sabato e di domenica. Sposarsi in questi giorni infatti vi potrebbe costare da 500 a 800 euro. Come accaduto fino adesso invece rimangono gratuite le gratuite le cerimonie civili di giovedì all’Anagrafe e di sabato mattina sempre in sala Paladin. Lo ha stabilito proprio ieri la delibera presentata dall’assessore Silvia Clai che prevede anche uno sconto per i residenti del comune.

    «Si trattava di fissare le regole ai matrimoni civili “fuori orario”, mantenendo la sede istituzionale deputata al servizio. Abbiamo provveduto ad un’indagine preliminare per capire come funziona in altri Comuni come Firenze, Milano, Trieste o Brescia. Sia per gli orari delle cerimonie che per le tariffe applicate» ha detto l’assessore Clai.

    D’ora in poi ci si potrà comunque sposare gratuitamente il sabato mattina. La decisione arriva anche in seguito alle numerose richiese, e non solo di residenti, che desideravano sposarsi il sabato pomeriggio o la domenica.

    Ora quindi il Comune offre anche la sala delle cerimonie il sabato pomeriggio e la domenica ma dietro un pagamento che va dai 500 agli 800 euro.

    Come spiegano dal Comune il pagamento di una tassa per i matrimoni si rende indispensabile perché “per consentire tali celebrazioni, è indispensabile garantire la presenza straordinaria del personale per l’accesso alle sale, l’utilizzo delle apparecchiature interne e l’assolvimento degli obblighi di natura giuridica connessi alla predisposizione degli atti”.