Sposarsi al tramonto per veri romantici

da , il

    La sera in spiaggia

    Uno dei trend del 2010 è il matrimonio al tramonto. L’idea è estremamente romantica: il cielo che si colora di rosso, un banchetto all’aperto, magari in una giornata estiva e i profumi nell’aria. Tutto è scenografico, ma c’è da aggiungere altri due fattori di praticità: se vi sposate in un mese legato alla bella stagione è un modo per evitare di far prendere caldo ai vostri ospiti e poi per far durare meno le nozze. Iniziando già tardi con la cerimonia, il ricevimento durerà molto meno. Ecco quindi degli ottimi motivi per valutare questa soluzione sotto più punti di vista.

    Un tempo, sposarsi la sera è naturale, soprattutto per chi sceglieva il rito religioso. La fascia oraria ottocentesca superava anche l’ora del tramonto, nonostante le credenze popolari. Qualcuno sostiene porti sfortuna. Nel Medioevo, quando calava il sole si sosteneva ci fossero degli spiriti maligni che si aggiravano nell’aria. Come sempre ci tante scaramanzie, più o meno sciocche, e seguirle tutte sarebbe impossibile.

    In termini organizzati, sposarsi la sera impone abiti diversi, di cui abbiamo già parlato, ma anche decorazioni differenti. Inutile imbandire ogni cosa di fiori, sappiamo bene che a una certa ora si chiudono: optate per decorazioni con candele e nastri magari in tulle.

    Non è la soluzione ideale per chi ha tanti parenti con bambini piccoli, perché si impone agli ospiti di rientrare a casa tardi la sera o comunque in una fascia oraria non adatta ai piccini. Se si vuole essere davvero ospitale sarebbe meglio prenotare una stanza.

    Foto tratte da Nozzeclick.it

    Dolcetto o scherzetto?