Tante idee per le letture del vostro matrimonio

da , il

    letture del vangelo nozze

    Le letture che sceglierete per il vostro matrimonio sono davvero importantissime: lo potete fare infatti con l’aiuto del prete che vi ha seguiti durante il corso prematrimoniale. In questo modo darete uno stampo molto personale alle vostre nozze, scegliendo anche le letture che più vi piacciono e che vi hanno maggiormente colpiti. Le letture scelte dovranno rappresentare lo stile della vostra coppia e della vostra unione, tenendo ben presenti i motivi per cui ci si giura amore eterno. Vediamo oggi alcune bellissime letture tratte dal Vangelo.

    Dal Vangelo secondo Giovanni 14, 12-17

    Chi crede in me compirà le opere che io compio

    In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:

    «In verità, in verità vi dico: anche chi crede in me, compirà le opere che io compio e ne farà di più grandi, perché io vado al Padre. Qualunque cosa chiederete nel nome mio, la farò, perché il Padre sia glorificato nel Figlio. Se mi chiederete qualche cosa nel mio nome, io la farò.

    Se mi amate, osserverete i miei comandamenti. Io pregherò il Padre ed egli vi darà un altro Consolatore perché rimanga con voi per sempre, lo Spirito di verità che il mondo non può ricevere, perché non lo vede e non lo conosce. Voi lo conoscete, perché egli dimora presso di voi e sarà in voi».

    Parola del Signore

    Alleluia, alleluia

    Io sono la vite, voi i tralci, dice il Signore;

    chi rimane in me porta molto frutto.

    Alleluia.

    Dal Vangelo secondo Giovanni 15, 1-17

    Io vi ho scelto e vi ho costituiti perché andiate e portiate frutto e il vostro frutto rimanga

    In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:

    «Io sono la vera vite e il Padre mio è il vignaiolo. Ogni tralcio che in me non porta frutto, lo toglie e ogni tralcio che porta frutto, lo pota perché porti più frutto. Voi siete già mondi, per la parola che vi ho annunziato.

    Rimanete in me e io in voi. Come il tralcio non può far frutto da se stesso se non rimane nella vite, così anche voi se non rimanete in me. Io sono la vite, voi i tralci. Chi rimane in me e io in lui, fa molto frutto, perché senza di me non potete far nulla. Chi non rimane in me viene gettato via come il tralcio e si secca, e poi lo raccolgono e lo gettano nel fuoco e lo bruciano.

    Se rimanete in me e le mie parole rimangono in voi, chiedete quel che volete e vi sarà dato. In questo è glorificato il Padre mio: che portiate molto frutto e diventiate miei discepoli. Come il Padre ha amato me, così anch’io ho amato voi» Rimanete nel mio amore. Se osserverete i miei comandamenti, rimarrete nel mio amore, come io ho osservato i comandamenti del Padre mio e rimango nel suo amore. Questo vi ho detto perché la mia gioia sia in voi e la vostra gioia sia piena.

    Questo è il mio comandamento: che vi amiate gli uni gli altri, come io vi ho amati. Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la vita per i propri amici. Voi siete miei amici, se farete ciò che io vi comando. Non vi chiamo più servi, perché il servo non sa quello che fa il suo padrone; ma vi ho chiamati amici, perché tutto ciò che ho udito dal Padre l’ho fatto conoscere a voi.

    Non voi avete scelto me, ma io ho scelto voi e vi ho costituiti perché andiate e portiate frutto e il vostro frutto rimanga; perché tutto quello che chiederete al Padre nel mio nome, ve lo conceda. Questo vi comando: amatevi gli uni gli altri».

    Parola del Signore.

    Alleluia, alleluia

    Dio è amore;

    amiamoci a vicenda,

    come lui ha amato noi.

    Alleluia.

    Dal Vangelo secondo Giovanni *15, 9-17

    Amatevi come io vi ho amati.

    In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:

    «Come il Padre ha amato me, così anch’io ho amato voi. Rimanete nel mio amore. Se osserverete i miei comandamenti, rimarrete nel mio amore, come io ho osservato i comandamenti del Padre mio e rimango nel suo amore. Questo vi ho detto perché la mia gioia sia in voi e la vostra gioia sia piena.

    Questo è il mio comandamento: che vi amiate gli uni gli altri, come io vi ho amati. Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la vita per i propri amici. Voi siete miei amici, se farete ciò che io vi comando. Non vi chiamo più servi, perché il servo non sa quello che fa il suo padrone; ma vi ho chiamati amici, perché tutto ciò che ho udito dal Padre l’ho fatto conoscere a voi.

    Non voi avete scelto me, ma io ho scelto voi e vi ho costituiti perché andiate e portiate frutto e il vostro frutto rimanga; perché tutto quello che chiederete al Padre nel mio nome, ve lo conceda. Questo vi comando: amatevi gli uni gli altri».

    Parola del Signore.

    Forma breve:

    Dal Vangelo secondo Giovanni 15, 9-12

    Rimanete nel mio amore.

    In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:

    «Come il Padre ha amato me, così anch’io ho amato voi Rimanete nel mio amore.

    Se osserverete i miei comandamenti, rimarrete nel mio amore, come io ho osservato i comandamenti del Padre mio e rimango nel suo amore. Questo vi ho detto perché la mia gioia sia in voi e la vostra gioia sia piena.

    Questo è il mio comandamento: che vi amiate gli uni gli altri,come io vi ho amati».

    Parola del Signore.

    Alleluia, alleluia

    Nessuno ha un amore più grande

    di chi da la vita per l’amato.

    Alleluia.

    Dal Vangelo secondo Giovanni 15, 12-16

    Questo è il mio comandamento: che vi amiate gli uni gli altri

    In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:

    «Questo è il mio comandamento: che vi amiate gli uni gli altri, come io vi ho amati. Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la vita per i propri amici.

    Voi siete miei amici, se farete ciò che io vi comando. Non vi chiamo più servi, perché il servo non sa quello che fa il suo padrone; ma vi ho chiamati amici, perché tutto ciò che ho udito dal Padre l’ho fatto conoscere a voi.

    Non voi avete scelto me, ma io ho scelto voi e vi ho costituiti perché andiate e portiate frutto e il vostro frutto rimanga; perché tutto quello che chiederete al Padre nel mio nome, ve lo conceda».

    Parola del Signore.

    Alleluia, alleluia

    Noi abbiamo riconosciuto e creduto

    all’amore che Dio ha per noi.

    Noi amiamo perché egli ci ha amati per primo.

    Alleluia

    Dal vangelo secondo Giovanni (Gv 17, 20-26)

    Tutti siano una cosa sola

    In quel tempo Gesù, alzàti gli occhi al cielo, pregava dicendo:

    “Non prego solo per questi, ma anche per quelli che per la loro parola cred e ranno in me; perché tutti siano una sola cosa. Come tu, Padre, sei in me e io in te, siano anch’essi in noi una cosa sola, perché il mondo creda che tu mi hai mandato.

    E la gloria che tu hai dato a me, io l’ho data a loro, perché siano come noi una cosa sola. Io in loro e tu in me, perché siano perfetti nell’unità e il mo n do sappia che tu mi hai mandato e li hai amati come hai amato me.

    Padre, voglio che anche quelli che mi hai dato siano con me dove sono io, perché contemplino la mia gloria, quella che mi hai dato; poiché tu mi hai amato prima della creazione del mondo.

    Padre giusto, il mondo non ti ha conosciuto, ma io ti ho conosciuto; questi sanno che tu mi hai mandato. E io ho fatto conoscere loro il tuo nome e lo farò conoscere, perché l’amore con il quale mi hai amato sia in essi e io in loro».

    Parola del Signore