Cina: la moda delle nozze in divisa

Stufi delle solite fotografie del matrimonio: perché allora non prendere spunto dalla Cina dove la nuova moda in fatto di nozze è l’abbigliamento in costume da Guardie Rosse della Rivoluzione Culturale.

Pubblicato da Francesca Bottini Lunedì 28 settembre 2009

Stufi delle solite fotografie del matrimonio? Perché allora non prendere spunto dalla Cina dove la nuova moda in fatto di nozze farsi immortalare con l’abbigliamento in costume da Guardie Rosse della Rivoluzione Culturale?

Lo riporta il quotidiano South China Morning Post di Hong Kong, che spiega così questa nuova tendenza “la nostalgia della Rivoluzione Culturale esplode in Cina, mentre l’ argomento é ancora tabù”.

“E’ per avere delle foto diverse da quelle di altri matrimoni“, riporta la neo sposa Sun Fengqing, 24 anni, che ha deciso di celebrare il suo matrimonio con una giacca verde “alla Mao Zedong” e il cappello con la stella rossa.
Una scelta originale che certamente, oltre alla motivazione culturale porta con sé la voglia di stupire a tutti costi.

Diversa l’idea del South China Morning Post, che riporta come nella Rivoluzione Culturale “il numero delle persone che furono uccise, che morirono di fame, che furono indotte al suicidio o che morirono in circostanze collegate alle persecuzioni politiche è variamente stimato tra alcune decine di migliaia ed un milione”.

Altro parere dall’ideatore del “matrimonio da Guardia Rossa”, Zou Sigen del Channel Photo Studio n.9 di Hangzhou: “Oggi la gente ha una mentalità più aperta – dice – è più incline a cambiare “.

Fotografie tratte da
ansa.it
adnkronos.com