Galateo matrimonio, le regole del bon ton [FOTO]

Oggi vedremo qualche consiglio per gli sposi direttamente dal galateo del matrimonio: ricordate che ripassare qualche regola di bon ton potrà evitarvi brutte figure e cadute di stile!

Pubblicato da Francesca Bottini Giovedì 13 dicembre 2012

Credete che sia un po’ anacronistico parlare di galateo del matrimonio nel 2012? Ricordate che ripassare qualche regola di bon ton è sempre utile, soprattutto per occasioni come il matrimonio! Inoltre, seguire certe tradizioni vi faciliterà l’organizzazione della giornata più speciale della vostra vita: in questo modo andrete sul sicuro nella scelta dei piccoli dettagli che caratterizzeranno la cerimonia e il ricevimento. Ecco quindi qualche consiglio per un matrimonio da vera principessa e per evitare scivoloni e pessime figure con i vostri invitati!

Il galateo della cerimonia di nozze

galateo matrimonio per la cerimonia

Prima della cerimonia lo sposo arriva in Chiesa accompagnato dalla madre e attende la sposa all’altare. Nell’attesa è libero di accogliere gli ospiti e salutare parenti e amici. Lo sposo, e i suoi invitati, staranno sul lato destro, guardando l’altare, e sulla sinistra quelli della sposa. La sposa arriva in Chiesa puntuale (o con al massimo qualche minuto di ritardo) e percorre la navata accompagnata dal padre, camminando piano e sorridendo. Evitate lunghi ritardi: cinque minuti sono concessi ma non di più o potreste rischiare che il Prete cominci la cerimonia senza di voi! All’uscita dalla Chiesa gli invitati si disporranno all’esterno per aspettare gli sposi che, con i testimoni, dovranno firmare i registri di matrimonio. Ci sarà poi il classico lancio del riso: la raccomandazione è di evitare di colpire gli sposi con violenza e non lanciare altro che non sia riso!

Il galateo per l’abbigliamento degli invitati

galateo matrimonio per gli invitati

Dovete sempre ricordate che non siete ad una prima alla Scala e quindi sono assolutamente vietati gli abiti lunghi (anche se il ricevimento è di sera) e paillettes. L’abito lungo, per essere adatto ad un matrimonio, potrà avere una fantasia colorata e dovrà essere indossato con scarpe basse. No anche al nero (non si addice ad un matrimonio anche se moltissime ragazze ultimamente hanno preso questa abitudine) e soprattutto al bianco riservato alla sposa. Soprattutto se si tratta di un matrimonio religioso no a spacchi o scollature eccessive; se necessario coprite le spalle con una stola o con un cappottino. Per gli uomini via libera a completi blu o grigi ed è concesso il tight solo se lo indossa anche lo sposo, i testimoni e il padre della sposa.

Il galateo per gli sposi

galateo matrimonio per gli sposi

La sposa per un giorno indosserà un abito da favola: anche in questo caso però vi vogliamo fornire alcune raccomandazioni. No a colori tipo il rosso o bordeaux, meglio optare per il classico bianco, beige o grigio chiaro. Evitate in qualsiasi caso scollature o aperture profonde sulla schiena; se il vostro abito prevede le spalle scoperte dovrete coprirle con una stola o con uno scalda cuore in tinta. Seguendo alcune piccole regole di buon senso, comunque, le spose potranno scegliere secondo il proprio gusto tra le tantissime e meravigliose proposte degli stilisti. Discorso diverso invece per l’uomo: per lui la scelta si restringe. Completo blu o grigio o tight, se il matrimonio è molto elegante. Altro non è concesso. Per quanto riguarda il ricevimento, è assolutamente sconsigliato fare aspettare i vostri ospiti mentre voi girate la città alla ricerca della location giusta per scattare le foto: ricordate che l’album di nozze “in posa” è veramente poco chic! Molto meglio scegliere un fotografo che vi immortalerà quando non ve ne accorgete, creando così foto più naturali.