La scelta di damigelle e paggetti

Se avete scelto un matrimonio in grande stile, tradizionale e magari in una location suggestiva come un luogo d’arte, allora potreste davvero decidere di crearvi la vostra squadra di bimbi. Paggetti e hanno in genere bambini tra i 4 e i 10 anni e spesso sono parenti degli sposi.

Pubblicato da Valentina Morosini Domenica 26 luglio 2009

Non sono molti i matrimoni con le damigelle e i paggetti. Di solito fa capolino un bambino per portare le fedi, ma il codino di piccoli vestiti da sposini sono rari. Ci sono paesi in cui le damigelle sono un must che non deve mancare.
Se avete scelto un matrimonio in grande stile, tradizionale e magari in una location suggestiva come un luogo d’arte, allora potreste davvero decidere di crearvi la vostra squadra di bimbi. Paggetti e hanno in genere bambini tra i 4 e i 10 anni e spesso sono parenti degli sposi (nipotini o cuginetti). Nulla vi vieta però di scegliere tra gli amici o se avete un bimbo vostro.

Il loro compito è quello di tenere lo strascico della sposa, quindi occhio a scegliere il vestito giusto, lanciare fiori sul tappeto che accompagna all’altare e consegnare le fedi, che dovrebbero essere appoggiate su un cuscinetto. Spesso si tratta di una scena simbolica, e le fedi cucite sul cuscinetto sono finte: gli anelli veri vengono invece affidati ai testimoni.

In America le damigelle non sono bambine, ma anzi, sono quello che in Italia rappresentano le testimoni della sposa. Hanno degli abiti in coordinato, in tono pastello. Se invece ci sono delle bimbe, allora possiamo anche vestirle da sposine, mentre i paggetti di solito hanno un paio di pantaloni scuri, da ometto, una camicia e le bretelline. I bimbi portano allegria e talvolta anche qualche pasticcio, quindi state all’erta.