La stagione migliore per le vostre nozze

Si è abituati, quando pensiamo ad un matrimonio, ad aperitivi in giardino, sole e caldo. E' vero però che tantissime coppie non disdegnano anche i mesi più freddi per celebrare le loro nozze: in effetti dire sì sotto una bella nevicata è una cosa molto romantica.

Pubblicato da Francesca Bottini Giovedì 23 luglio 2009

Si è abituati, quando pensiamo ad un matrimonio, ad aperitivi in giardino, sole e caldo. E’ vero però che tantissime coppie non disdegnano anche i mesi più freddi per celebrare le loro nozze: in effetti dire sì sotto una bella nevicata è una cosa molto romantica.

Ormai infatti tutte le credenze e superstizioni legate al matrimonio sono state infrante: ricordate il detto “nè di venere né di marte non si sposa e non si parte“? Beh tantissimi giovani scelgono proprio di sposarsi di venerdì senza alcun problema ( se non la mezza giornata di ferie che si dovranno prendere tutti gli invitati…).

Vi siete mai chiesti perchè è molto raro vedere un matrimonio in Febbraio o Marzo? Questo perchè, fino al XIX secolo, durante il periodo della Quaresima i matrimoni erano proibiti. Se poi aggiungete che, gli antichi Greci pensavano il mese di marzo, legato a Marte, Dio della guerra non fosse il miglior auspicio per i futuri sposi, capirete il numero ridottissimo di matrimoni celebrati in questi mesi.

I mesi più favorevoli rimangono comunque aprile e giugno: il primo legato a Venere, dea dell’amore, e il secondo a Giunone, che portava unioni durature e molto felici.

Forse non ci avete mai pensato ma i mesi più favorevoli dal punto di vista organizzativo per un matrimonio sono senza dubbio quelli freddi: un matrimonio primaverile, che al 99% si svolgerà in parte all’esterno, porta sempre ansie per la situazione metereologica. Molti poi sfidano la sorte scegliendo location con poco spazio interno e quando, sotto un temporale, devono correre ai ripari, sono guai.

In inverno di certo non avrete di questi problemi: una bella villa con un interno caldo e accogliente ed il gioco è fatto!