Le letture più significative per il vostro matrimonio in Chiesa

Brani del vangelo, Prima Lettura, Seconda lettura, scegliere i passi più belli per il libretto delle vostre nozze può sembrare difficile. Ecco allora alcune delle più belle letture per matrimonio tra cui potete trovare la vostra preferita.

Pubblicato da Francesca Bottini Mercoledì 22 agosto 2012

Le letture più significative per il vostro matrimonio in Chiesa
Photo by debowscyfoto/Pixabay.com

Le letture per il matrimonio in Chiesa sono importantissime perché, se scelte con cura e attenzione, comunicano moltissimo agli invitati; esprimono l’idea degli sposi sul matrimonio, sulla vita e sull’amore. Esistono alcune letture che sono particolarmente amate dalle coppie di giovani sposi per il loro profondo significato e il rimando a un’unione cattolica e eterna.  Se state organizzando il vostro matrimonio e avete iniziato a creare il vostro libretto per la messa; troverete qui alcune delle letture per matrimonio più belle e dolci, perfette per rendere il grande giorno romantico e emozionante.

Il Vangelo per il matrimonio

Di seguito trovate i passi del Vangelo più belli per preparare il libretto di matrimonio.

Dal vangelo secondo Matteo (Mt 7, 21.24-29)

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: “Non chiunque mi dice: Signore, Signore, entrerà nel regno dei cieli, ma colui che fa la volontà del Padre mio che è nei cieli. Molti mi diranno in quel giorno: Signore, Signore, non abbiamo noi profetato nel tuo nome e cacciato demòni nel tuo nome e compiuto molti miracoli nel tuo nome? Io però dichiarerò loro: Non vi ho mai conosciuti; allontanatevi da me, voi operatori di iniquità. Perciò chiunque ascolta queste mie parole e le mette in pratica, è simile a un uomo saggio che ha costruito la sua casa sulla roccia. Cadde la pioggia, strariparono i fiumi, soffiarono i venti e si abbatterono su quella casa, ed essa non cadde, perché era fondata sopra la roccia. Chiunque ascolta queste mie parole e non le mette in pratica, è simile a un uomo stolto che ha costruito la sua casa sulla sabbia. Cadde la pioggia, strariparono i fiumi, soffiarono i venti e si abbatterono su quella casa, ed essa cadde, e la sua rovina fu grande”. Quando Gesù ebbe finito questi discorsi, le folle restarono stupite del suo insegnamento: egli infatti insegnava loro come uno che ha autorità e non come i loro scribi.
Parola del Signore.
Ascoltaci o Signore.

Dal Vangelo secondo Matteo (Mt 19, 3-6)

Quello che Dio ha congiunto, l’uomo non separi.
In quel tempo si avvicinarono a Gesù alcuni farisei per metterlo alla prova e gli chiesero:
«É lecito ad un uomo ripudiare la propria moglie per qualsiasi motivo?». Ed egli rispose: «Non avete letto che il Creatore da principio li creò maschio e femmina e disse: Per questo l’uomo lascerà suo padre e sua madre e si unirà a sua moglie e i due saranno una carne sola? Così che non sono più due, ma una carne sola. Quello dunque che Dio ha congiunto, l’uomo non lo separi».
Parola del Signore.

La prima lettura per il matrimonio

La Prima Lettura della Liturgia della Parola è il testo che viene scelto per primo tra quelli che accompagneranno la messa del vostro matrimonio cattolico. Si tratta di una lettura che viene fatta  subito dopo il rito di introduzione e il ricordo del sacramento del Battesimo; per questo motivo è particolarmente significativa. A leggere la Prima lettura è solitamente un amico, un familiare o una persona importante per la coppia. La scelta però  compete agli sposi che possono selezionare tra i brani dell’Antico Testamento quello che ritengono più importante, seguiti ovviamente dal sacerdote che li sta accompagnando nel corso prematrimoniale.

Ecco alcuni brani tra cui scegliere:

Dal Cantico dei Cantici 2, 8-10.14.16a; 8, 6-7a

Forte come la morte è l’amore.
Una voce! Il mio diletto! Eccolo, viene saltando per i monti, balzando per le colline. Somiglia il mio diletto a un capriolo o ad un cerbiatto. Eccolo, egli sta dietro il nostro muro; guarda dalla finestra, spia attraverso le inferriate. Ora parla il mio diletto e mi dice: «Alzati, amica mia, mia bella, e vieni! O mia colomba, che stai nelle fenditure della roccia, nei nascondigli dei dirupi, mostrami il tuo viso, fammi sentire la tua voce, perché la tua voce è soave, il tuo viso è leggiadro». Il mio diletto è per me e io per lui. [Egli mi dice:] «Mettimi come sigillo sul tuo cuore, come sigillo sul tuo braccio; perché forte come la morte è l’amore, tenace come gli inferi è la passione: le sue vampe sono vampe di fuoco, una fiamma del Signore! Le grandi acque non possono spegnere l’amore né i fiumi travolgerlo».
Parola di Dio.
Ascoltaci o Signore.

Dal libro della Genesi 1, 26-28.31a

Dio creò l’uomo a sua immagine: maschio e femmina li creò.
Dio disse: «Facciamo l’uomo a nostra immagine, a nostra somiglianza, e domini sui pesci del mare e sugli uccelli del cielo, sul bestiame, su tutte le bestie selvatiche e su tutti i rettili che strisciano sulla terra». Dio creò l’uomo a sua immagine; a immagine di Dio lo creò; maschio e femmina li creò. Dio li benedisse e disse loro: «Siate fecondi e moltiplicatevi, riempite la terra; soggiogatela e dominate sui pesci del mare e sugli uccelli del cielo e su ogni essere vivente, che striscia sulla terra». Dio vide quanto aveva fatto, ed ecco, era cosa molto buona.
Parola di Dio.
Ascoltaci o Signore.

Dal libro della Genesi 1, 29,9-20

A Giacobbe sembrarono pochi i sette anni di servizio, tanto era grande il suo amore per Rachele.
Giacobbe stava ancora parlando [con i pastori], quando arrivò Rachele con il bestiame del padre, perché era una pastorella. Quando Giacobbe vide Rachele, figlia di Labano, fratello di sua madre, insieme con il bestiame di Labano, fratello di sua madre, Giacobbe, fattosi avanti, rotolò la pietra dalla bocca del pozzo e fece bere le pecore di Labano, fratello di sua madre. Poi Giacobbe baciò Rachele e pianse ad alta voce. Giacobbe rivelò a Rachele che egli era parente del padre di lei, perché figlio di Rebecca. Allora essa corse a riferirlo al padre. Quando Labano seppe che era Giacobbe, il figlio di sua sorella, gli corse incontro, lo abbracciò, lo baciò e lo condusse nella sua casa. Ed egli raccontò a Labano tutte le sue vicende. Allora Labano gli disse: «Davvero tu sei mio osso e mia carne!». Così dimorò presso di lui per un mese. Poi Labano disse a Giacobbe: «Poiché sei mio parente, mi dovrai forse servire gratuitamente? Indicami quale deve essere il tuo salario». Ora Labano aveva due figlie; la maggiore si chiamava Lia e la più piccola si chiamava Rachele. Lia aveva gli occhi smorti, mentre Rachele era bella di forme e avvenente di aspetto, perciò Giacobbe amava Rachele. Disse dunque: «Io ti servirò sette anni per Rachele, tua figlia minore». Rispose Labano: «Preferisco darla a te piuttosto che a un estraneo. Rimani con me». Così Giacobbe servì sette anni per Rachele: gli sembrarono pochi giorni tanto era il suo amore per lei.
Parola di Dio.
Ascoltaci o Signore.

Dal libro del Deuteronomio 6, 4-9

Sugli stipiti della tua casa e sulle tue porte scrivi: Il Signore è il nostro Dio.
Ascolta, Israele: il Signore è il nostro Dio, il Signore è uno solo. Tu amerai il Signore tuo Dio con tutto il cuore, con tutta l’anima e con tutte le forze. Questi precetti che oggi ti do, ti stiano fissi nel cuore; li ripeterai ai tuoi figli, ne parlerai quando sarai seduto in casa tua, quando camminerai per via, quando ti coricherai e quando ti alzerai. Te li legherai alla mano come un segno, ti saranno come un pendaglio tra gli occhi e li scriverai sugli stipiti della tua casa e sulle tue porte.
Parola di Dio.
Ascoltaci o Signore.

Dal libro di Tobìa 8, 4b-8

Preghiamo e domandiamo al Signore che ci dia grazia e salvezza.
[La sera delle nozze] Tobìa si alzò dal letto e disse a Sara: «Sorella, alzati! Preghiamo e domandiamo al Signore che ci dia grazia e salvezza». Essa si alzò e si misero a pregare e a chiedere che venisse su di loro la salvezza, dicendo: «Benedetto sei tu, Dio dei nostri padri, e benedetto per tutte le generazioni è il tuo nome! Ti benedicano i cieli e tutte le creature per tutti i secoli! Tu hai creato Adamo e hai creato Eva sua moglie, perché gli fosse di aiuto e di sostegno. Da loro due nacque tutto il genere umano. Tu hai detto: non è cosa buona che l’uomo resti solo; facciamogli un aiuto simile a lui. Ora non per lussuria io prendo questa mia parente, ma con rettitudine d’intenzione. Degnati di aver misericordia di me e di lei e di farci giungere insieme alla vecchiaia». E dissero insieme: «Amen, amen!».
Parola di Dio.
Ascoltaci o Signore.

La seconda lettura per il matrimonio

Tra le letture per matrimonio più belle non si possono dimenticare i brani tratti dalle lettere di San Paolo; in particolare l’inno all’amore è un bellissimo passo per la seconda lettura.

Dalla lettera di san Paolo apostolo ai Romani (12, 1-2.9-13)

La carità non abbia finzioni.
Vi esorto, fratelli, per la misericordia di Dio, ad offrire i vostri corpi come sacrificio vivente, santo e gradito a Dio; è questo il vostro culto spirituale. Non conformatevi alla mentalità di questo secolo, ma trasformatevi rinnovando la vostra mente, per poter discernere la volontà di Dio, ciò che è buono, a lui gradito e perfetto.
La carità non abbia finzioni: fuggite il male con orrore, attaccatevi al bene; amatevi gli uni gli altri con affetto fraterno, gareggiate nello stimarvi a vicenda. Non siate pigri nello zelo; siate invece ferventi nello spirito, servite il Signore, Siate lieti nella speranza, forti nella tribolazione, perseveranti nella preghiera, solleciti per le necessità dei fratelli, premurosi nell’ospitalità.
Parola di Dio.
Ascoltaci o Signore.

Dalla lettera di san Paolo apostolo ai Romani (15, 1b-3a.5-7.13)

Accoglietevi gli uni gli altri come Cristo ha accolto voi.
Fratelli, [non dobbiamo] compiacere noi stessi. Ciascuno di noi cerchi di compiacere il prossimo nel bene, per edificarlo. Cristo infatti non cercò di piacere a se stesso.
E il Dio della perseveranza e della consolazione vi conceda di avere gli uni verso gli altri gli stessi sentimenti ad esempio di Cristo Gesù, perché con un solo animo e una voce sola rendiate gloria a Dio, Padre del Signore nostro Gesù Cristo.
Accoglietevi perciò gli uni gli altri come Cristo accolse voi, per la gloria di Dio.
Il Dio della speranza vi riempia di ogni gioia e pace nella fede, perché abbondiate nella speranza per la virtù dello Spirito Santo.
Parola di Dio.
Ascoltaci o Signore.

Inno all’amore dalla Prima Lettera di San Paolo ai Corinti

“Se anche parlassi le lingue degli uomini e degli angeli, ma non avessi l’amore, sono come un bronzo che risuona o un cembalo che tintinna.
E se avessi il dono della profezia e conoscessi tutti i misteri e tutta la scienza, e possedessi la pienezza della fede così da trasportare le montagne, ma non avessi l’amore, non sarei nulla.
E se anche distribuissi tutte le mie sostanze e dessi il mio corpo per esser bruciato, ma non avessi l’amore, niente mi gioverebbe.
L’amore è paziente, è benigno l’amore; non è invidioso l’amore, non si vanta, non si gonfia, non manca di rispetto, non cerca il suo interesse, non si adira, non tiene conto del male ricevuto,
non gode dell’ingiustizia, ma si compiace della verità.
Tutto copre, tutto crede, tutto spera, tutto sopporta.
L’amore non avrà mai fine”.
Parola di Dio.
Ascoltaci o Signore.
Inoltre, se cercate altre idee per rendere ancora più speciale le vostre nozze, troverete qui le frasi di matrimonio più belle tratte dalla Bibbia.