Matrimoni e divorzi gay in aumento

Sono in aumento i matrimoni e i divorzi gay, a 4 anni della legge Zapatero. Le lesbiche si sposano meno. Oggi a Genova ci sarà la sfilata del gay pride e molti appuntmaneti sono dedicati alla parità dei diritti in campo matrimoniale

Pubblicato da Valentina Morosini Sabato 27 giugno 2009

Se la famiglia tradizionale è in crisi, aumentano i divorzi e le famiglie allargate, non si può certamente dire lo stesso delle coppie omosessuali facciano eccezioni. A 4 anni dalla storica legge Zapatero in Spagna sono state celebrate 13.116 nozze gay di cui solo 147 sono finite con un divorzio. Le lesbiche, invece, si sposano meno dei gay, rappresentano solo un quarto del totale, ma la tendenza è in crescita.
I divorzi nelle coppie etero sono di due ogni tre matrimoni, una vera disfatta. In Italia siamo ancora molto indietro e con la legge e con le dimostrazioni di rispetto e accettazione. La maggior parte della gente, in Spagna, sembra aver accettato le unioni tra gay, anche se la chiesa è ancora molto critica. Il quotidiano la vecchia Spagna cattolica profonda ancora non è del tutto convertita. Atteggiamento comprensibile, visti i limiti della morale cattolica.

A breve l’argomento matrimonio sarà di nuovo al centro di numerose polemiche, soprattutto a causa dei numerosi incontri e conferenze che il Gay Pride genovese ha organizzato intorno al matrimonio gay. La sfilata sarà proprio oggi e i Radicali Italiani, l’Associazione Radicale Certi Diritti e l’Associazione Luca Coscioni hanno deciso di partecipare per riaffermare i principi della laicità, libertà e responsabilità delle persone.

Saranno, inoltre, distribuiti preservativi e materiale sulla campagna di Affermazione Civile finalizzata all’accesso all’istituto del matrimonio per le coppie dello stesso sesso. E chissà che la Spagna non sia più vicina del previsto.