Matrimonio nel codice civile e nella Costituzione

Qui trovate gli articoli dedicati alla famiglia nella Costituzione sono i seguenti: 29, 30, 31 e quellli del codice civile relativi alla promessa di matrimonio

Pubblicato da Valentina Morosini Venerdì 30 ottobre 2009

Il matrimonio ha un iter burocratico, di cui abbiamo parlato spesso, e questo dipende dal fatto che è un’istituzione regolata da leggi e regolamenti incluse nella Costituzione e nel Codice Civile. In questo post trovate gli articoli dedicati alla famiglia nella Costituzione e quelli del Codice Civile relativi alla promessa di matrimonio (capo I).
Seguiranno altri post in cui proporremo tutti gli articoli. Conoscere la legge vuol dire anche essere più consapevoli ed essere convinti delle proprie motivazioni.

LA COSTITUZIONE

ARTICOLO 29
1- La Repubblica riconosce i diritti della famiglia come società naturale fondata sul matrimonio.
2- Il matrimonio è ordinato sull’eguaglianza morale e giuridica dei coniugi, con i limiti stabiliti dalla legge a garanzia dell’unità familiare.

ARTICOLO 30
1- E’ dovere e diritto dei genitori mantenere, istruire ed educare i figli, anche se nati fuori dal matrimonio.
2- Nei casi di incapacità dei genitori, la legge provvede a che siano assolti i loro compiti.
3- La legge assicura ai figli nati fuori del matrimonio ogni tutela giuridica e sociale, compatibile con i diritti dei membri della famiglia legittima.

ARTICOLO 31
1- La Repubblica agevola con misure economiche e altre provvidenze la formazione della famiglia e l’adempimento dei compiti relativi, con particolare riguardo alle famiglie numerose.
2- Protegge la maternità, l’infanzia e la gioventù, favorendo gli istituti necessari a tale scopo.

CAPO I – DELLA PROMESSA DI MATRIMONIO
ARTICOLO 79 – Effetti.
La promessa di matrimonio non obbliga a contrarre né ad eseguire ciò che si fosse convenuto per il caso di non adempimento.

ARTICOLO 80 – Restituzione dei doni.
1 – Il promittente può domandare la restituzione dei doni fatti a causa della promessa di matrimonio, se questo non è stato contratto (785).
2 – La domanda non è proponibile dopo un anno dal giorno in cui s’è avuto il rifiuto di celebrare il matrimonio o dal giorno della morte di uno dei promittenti (2964ss.).

ARTICOLO 81 -Risarcimento dei danni

ARTICOLO 82 – Matrimonio celebrato davanti a ministri del culto cattolico.
Il matrimonio celebrato davanti a un ministro del culto cattolico è regolato in conformità del Concordato della Santa Sede e delle leggi speciali sulla materia.

Foto tratte da

adnkronos.com
politikos.it