Torte Nuziali, il taglio del dolce

Un poco di scaramanzia: il primo taglio deve essere degli sposi perché si dice che portafortuna. Un tempo la leggenda voleva che la donna tagliasse il dolce con la spada del marito, ora basta un coltello.

Pubblicato da Valentina Morosini Martedì 23 febbraio 2010

Torte Nuziali, il taglio del dolce

Il momento più importante della cerimonia è il taglio della torta. E non si può abbandonare l’evento prima di questo ultimo brindisi. Avete mai visto la puntata di Sex and The City in cui Carrie si fa accompagnare alle nozze di una conoscente da big (è l’episodio in cui recita la poesia). La nostra giornalista preferita s’incavola con il fidanzato perché vuole andare a casa proprio poco prima della torta. Dopo qualche dettaglio per gli ospiti, ora mi concentrerò sugli sposi che devono scegliere il dolce più importante della loro vita. Ecco quindi cosa impone la tradizione e cosa no.
Non è necessario che sia a piani o con il topper, dovete stabilire la vostra torta preferita, senza condizionamenti di mode o gusti. La tradizione della torta arriva dall’antica Roma e sta significare la condivisione. Abbiamo già visto che i dolci cambiano da paese a paese.

Un poco di scaramanzia: il primo taglio deve essere degli sposi perché si dice che portafortuna. Un tempo la leggenda voleva che la donna tagliasse il dolce con la spada del marito, ora basta un coltello.