Chiesa Anglicana, sì ai rapporti fuori dal matrimonio

da , il

    Sono poche le coppie che non fanno sesso prima del matrimonio. Oggi per la Chiesa Anglicana ha deciso di benedire l’intimità prima delle nozze, dimostrando modernità e apertura ai tempi che cambiano. Secondo le statistiche, il 44% dei bambini nati in Gran Bretagna è figlio di genitori non sposati, mentre in Italia sono il 21%.

    Il boom delle coppie di fatto è un fenomeno che tocca un po’ tutto l’Occidente e porta con sé una serie di fattori che mettono a rischio la famiglia tradizionale: la corsa verso l’alto della percentuale di donne non sposate che portano a termine una gravidanza, l’indipendenza economica e la scelta di fare un figlio più tardi.

    Ma non è l’unica novità. La Chiesa Anglicana, nella convinzione che “il matrimonio offra l’ambiente migliore per le relazioni sessuali e per allevare i figli” offre a queste coppie la possibilità di celebrare il matrimonio e contemporaneamente battesimo dei figli nati fuori dal sacramento.

    La liturgia che è stata prontamente ribattezzata “hatch and match” (fai figli e sposati) costerà 272 sterline, circa 300 euro. Questa proposta non è stata accolta con entusiasmo. Peccato non aver inserito anche il funerale della nonna” ha ironizzato il vescovo anglicano di Fulham, John Broadhurst nel timore che vanga avallata la procreazione extraconiugale. “Sembra una cosa alla moda, ma rivela una continua mancanza di consapevolezza di ciò che accade nelle parrocchie. Non capisco perché la vogliano fare”.

    Il direttore dell’Osservatore romano, invece, sostiene che non ci sia nulla di scandaloso, che semmai sia solo un’iniziativa con tratti di bizzarria inglese.

    Dolcetto o scherzetto?