Come organizzare un matrimonio equo solidale: consigli utili

da , il

    Partecipazione+busta+invito

    Sempre più spesso ci si chiede come organizzare un matrimonio equo solidale, una scelta molto diffusa tra le giovani coppie e non solo per una questione di moda: le nozze equo solidali sono un’occasione per dare un valore più alto al giorno più bello della nostra vita, ricordandoci che si tratta di una celebrazione dell’amore, in cui evitare gli sprechi e aiutare chi ne ha più bisogno è più facile di quanto si possa pensare. Come? Scegliendo un ricevimento più sobrio, cibi biologici, inviti e bomboniere solidali come quelle dell’UNICEF, tanto per cominciare.

    Diversi aspetti dell’organizzazione delle nozze possono essere affrontati in maniera equo solidale, a cominciare dal ricevimento, ricevimento che potrete anche decidere di tenere nella stessa location in cui si svolgerà la cerimonia religiosa o civile. La scelta consigliata in questo caso è quella di puntare su un pranzo o una cena nuziale a base di prodotti che provengono dal commercio equo solidale o dall’agricoltura biologica. A oggi anche la musica per le nozze può essere equo solidale: alcuni musicisti che si esibiscono in queste occasioni infatti hanno aderito a iniziative i cui proventi vengono devoluti ad associazioni no profit che si occupano dello sviluppo ecosostenibile di attività in Africa.

    L’UNICEF mette poi a disposizione una serie di prodotti il cui ricavato è destinato a progetti che possono salvare la vita di milioni di bambini nel mondo. Il Fondo delle Nazioni Unite per l’Infanzia, con le sue splendide “Bomboniere per la vita”, ci consente di donare vaccini salvavita come quello contro il morbillo e bustine di micronutrienti per la crescita che potrebbero fare la differenza tra la vita e la morte per un bambino nato in uno dei Paesi più svantaggiati del mondo. Sul sito ufficiale dell’UNICEF troverete le partecipazioni e gli inviti personalizzabili, i sacchetti portaconfetti e i segnaposti che fanno parte della linea di Bomboniere Solidali, ma non solo. Fai subito il tuo ordine di bomboniere utilizzando il codice PF0115 e il 20% te lo regaliamo noi. Puoi anche richiedere un campione gratuito!

    L’UNICEF ci dà anche la possibilità di optare per una lista nozze solidale, scelta che hanno fatto già tantissime persone, come Elisabetta Canalis. Anche in questo caso sottoscrivere la lista nozze da UNICEF significa rinunciare ai classici e banali prodotti di oggettistica a favore di interventi e donazioni che aiutano i bambini meno fortunati e le loro famiglie, come i trattamenti contro la tenia, le zanzariere con insetticida che proteggono dalla malaria o i kit per rendere l’acqua potabile.

    Se anche per il vostro abito da sposa volete fare una scelta equo solidale, sappiate che esistono associazioni che si occupano di creazioni sartoriali con materiali provenienti dai Paesi poveri, ma ci sono anche molti siti in rete che vendono abiti da sposa realizzati con tessuti ecologici e naturali come la seta grezza. E perché non puntare su un abito usato in una boutique vintage oppure online? Anche per la scelta degli addobbi floreali è consigliabile optare per fiori provenienti da colture organiche: i fiori potranno essere donati alla fine del matrimonio a ospedali e case di cura.

    Un’idea che sta prendendo sempre più piede in tempi recenti è quella di rinunciare alle auto, sia per gli sposi che per gli invitati, e mettere a disposizione dei tandem per spostarsi fino alla chiesa evitando così di creare fumi inquinanti e allo stesso tempo dando un tocco country-chic e divertente alle vostre nozze. Un altro consiglio è quello di evitare il lancio del riso alla fine della cerimonia, perché il riso uccide gli uccelli che lo ingeriscono: puntate invece sui petali di rosa.

    I viaggi di nozze equo solidali vengono infine organizzati in aree del mondo meno fortunate, per esempio quelle colpite da calamità naturali, dove oltre agli scorci paesaggistici mozzafiato si può anche dare un contributo reale alle popolazioni locali e alle attività di ricostruzione.

    Contenuto di informazione pubblicitaria