Il wedding planner Angelo Garini, ospite a “Nozze qui”, dispensa consigli per un ricevimento perfetto

da , il

    angelo garini consigli ricevimento

    Il wedding planner Angelo Garini, ospite esclusivo della fiera «Nozze Qui» di Napoli ha voluto dare alcuni consigli agli sposini per rendere unico e perfetto il ricevimento di nozze. Angelo ci ha da tempo abituati al suo stile unico, chic e raffinato. Assolutamente vietate per un matrimonio di stile le abbuffate con pranzi e cene lunghissime e con mille portate. Il massimo concesso, per non sfinire i propri ospiti, sono quattro portate, sorbetto compreso. La nuova tendenza è il cocktail pomeridiano in cui gli ospiti possono chiacchierare tranquillamente sorseggiando del vino o champagne.

    Angelo Garini sarà infatti ospite fino a domenica 29 gennaio della Galleria del Mare di Napoli alla Stazione Marittima per «Nozze Qui», la fiera del matrimonio dove trovare tutto quello che cercate per nozze assolutamente da favola.

    Secondo il wedding planner, la vera tendenza per il 2012 è la leggerezza. Vietati dunque “i menu pantagruelici, al massimo 4 portate ispirate alla leggerezza e alla semplicità, meglio ancora se con un’attenzione particolare alla tradizione e al territorio”.

    Leggerezza e semplicità dovrebbero quindi essere la parole chiave di ogni evento. Soprattutto in un matrimonio, evitate di sfinire i vostri ospiti con pranzi di ore ma, soprattutto, vietato farli attendere all’aperitivo perché voi dovete scattare le foto con il fotografo!

    Lo stile è innato ma, con qualche consiglio, si può anche imparare. I consigli di Angelo sono davvero preziosi per chi ha qualche dubbio sull’organizzazione delle nozze e per chi vuole conoscere la nuove tendenze del mondo del wedding.

    “Terza regola fondamentale – conclude Garini – bisogna rispettare i propri desideri ma anche le esigenze degli invitati. Bandite assolutamente estenuanti trasferte a bordo di pullman o auto, meglio scegliere una location nelle vicinanze”. E come possiamo non dargli ragione?

    Garini raccomanda anche di “scegliere biglietti e partecipazioni semplici, ma stampati su carta di ottima qualità, assolutamente vietato il nero”.