Islanda: via libera ai matrimoni gay

da , il

    Islanda

    Nessun ripensamento per il parlamento dell’Islanda che ha votato all’unanimità per la legge che legalizza i matrimoni tra persone dello stesso sesso. Questo è un argomento molto attuale anche perché, proprio in questi mesi, moltissime regioni si stanno muovendo per rivedere o approvare leggi in questo senso. Tutti i parlamentari dell’Althing (assemblea) hanno approvato la legge e hanno deciso di aggiungere al rito classico anche le frasi ‘fra uomo e uomo’ e ‘fra donna e donna’. Va anche ricordato che l’Islanda dal 2009 ha un capo di governo che ha dichiarato la sua omosessualità, Johanna Sigurdadottir che aveva quindi a cuore la questione.

    ‘Il Paese è piuttosto pragmatico, unioni gay non sono sentite come problema’, il politologo Gunnar Kristinsson.

    Ed in effetti nei paesi nordici le unioni gay sono ormai una prassi, raramente viste come tabù: il parlamento infatti ha sancito la legge con 49 voti a favore, zero contrari, 24 astenuti.

    “Oggi è un grande giorni per tutti, in ogni luogo coinvolti nella lotta per i diritti dei gay, e per i diritti umani in generale” ecco la frase di alcuni parlamentari della Althingi, il Parlamento Islandese.

    Ora la legge dovrà passare al Presidente della Repubblica, ma senza preoccupazioni dato che il Capo dello Stato ha espresso parere contrario ad una legge solo due volte nella storia del paese. E come riporta la IceNews, il provvedimento è “estremamente popolare” nel paese.

    E così finalmente dopo tanti anni anche il capo del governo islandese, Johanna Sigurdadottir potrà sposarsi.

    Fotografia tratta da

    xoomer.virgilio.it