Laura Pausini si schiera a favore dei matrimoni gay: “Basta ipocrisie”, afferma la cantante

da , il

    laura pausini matrimoni gay

    Laura Pausini, come moltissimi altri artisti, si schiera a favore del matrimonio gay: la cantante che è sempre molto attenta alle questioni sociali non poteva non esprimere la sua opinione sulle nozze tra persone dello stesso sesso. Per Laura infatti “l’amore è amore”, punto, non ci devono essere distinzioni di genere e quello che vediamo fino ad oggi è semplicemente ipocrisia. Dall’intervista nel prossimo numero di A ai suoi concerti, Laura non perde occasione di dire la sua a favore delle nozze gay, permesse in molti stati ma ancora lontanissime dall’Italia.

    “L’amore è l’amore, indipendentemente dal sesso delle persone che lo vivono. Non c’è motivo perché le persone dello stesso sesso dovrebbero essere discriminate. Perché non dovrebbero essere tutelate dalla legge sulle questioni relative alla previdenza, alla salute o alla vecchiaia? Viviamo nel 2012 ed è già così in moltissime parti del mondo. Perché nel mio paese dovremmo continuare a vivere in questa ipocrisia?” ha detto con sicurezza Laura Pausini.

    Sono tantissimi i vip che negli ultimi mesi stanno scendendo in piazza per appoggiare il diritto dei gay di sposarsi. Prima di lei aveva espresso la sua opinione a favore dei matrimoni gay anche l’attore Hugh Jackman e Lady Gaga, che aveva provocatoriamente proposto di celebrare nozze gay durante i suoi concerti in giro per il mondo.

    Si tratta di un problema che i governi non potranno far finta di non ascoltare ancora per molto. Oltre alle manifestazioni infatti sono moltissimi anche i volti dello spettacolo, del cinema e della canzone che esprimono la loro opinione e che lottano affinchè le unioni gay possano avere valore legale.

    Laura ha deciso di esprimere la sua opinione, che è condivisa anche da moltissimi colleghi, durante un suo concerto, per essere sicura che le sue parole fossero ben capite dai fans: “Sono molto contenta di dirlo qui, in questa terra che sempre viene definita ancora non capace di aprire le braccia e il cuore a questa gente. Io non ci credo molto e credo che ognuno di voi, le persone che sono qui davanti a me questa sera so che non siete razzisti e so che siete coraggiosi, che possiate credere davvero nel vostro amore. Non abbiate paura di niente mandateli a quel paesi, ’sti stronzi!”