Lista Nozze: cosa fare e cosa evitare

da , il

    Pensate di aver creato la lista nozze perfetta. Non fate però l’errore di abbandonarla al suo destino. Una volta spedite le partecipazioni e segnalato il negozio, prendetevi cura dei vostri desideri stando attente a ciò che è stato comprato e ciò che invece nessuno vuole acquistare. Inoltre, evitate di fare gaffe. E’ vero che il regalo è un gesto quasi obbligatorio, ma non va fatto pesare.

    Ho sempre detestato quelli che con la partecipazione ti mandano il link del sito dove hanno caricato la lista nozze oppure l’iban per l’offerta. Ma ultimamente ho visto di peggio: qualcuno ha pensato di comprare l’arredo della casa con le rate pagate dagli invitati. Passi il viaggio di nozze, ma fra un po’ ci sarà un genio che per cambiare l’auto deciderà di sposarsi.

    Evitiamo quindi di dare di nostra spontanea volontà la lista agli invitati, devono essere loro a chiederla, così come evitiamo di creare un conto per le donazioni o di obbligare a delle quote fisse i partecipanti. Le persone hanno possibilità diverse e non è giusto obbligarle.

    Se invece abbiamo bisogno di organizzare casa, facciamo una lista che abbia un po’ di tutto, anche in termini di prezzi. Per esempio il servizio di piatti, dividiamolo. Se qualcuno vuole regalarcelo, interamente, è il benvenuto, altrimenti non si deve sentire forzato. E poi segnaliamo cose assurde: questo suggerimento vale più per noi. Ci servirà di più un mixer o la macchina per fare il pane?

    Per quanto riguarda gli invitati. Il regalo è un obbligo, soprattutto se avete deciso di presentarvi in metà di mille. Cercate di fare un regalo che copra il pranzo e lasci qualcosa nelle tasche degli sposi. Inoltre, l’omaggio deve andare incontro al gusto di chi lo riceve e non il contrario.

    Dolcetto o scherzetto?