Matrimonio fa rima con divorzio? Il 70% delle coppie teme che possa succedere

da , il

    matrimonio divorzio paura coppie

    Passare dall’altare al tribunale, ovvero dal matrimonio al divorzio? Eh si, pare che questa sia la paura della maggio parte delle coppie che stanno per convolare a nozze. Invece di pensare alla propria felicità, al ricevimento e alla cerimonia, il 70 % delle coppie, quando si avvicina la fatidica data, pensa molto di più ad una della propria relazione poco felice, ovvero al divorzio. Ed ecco perché moltissime coppie conviventi evitano di sposarsi per non dover andare incontro allo stress psicologico di un divorzio. Ma ha senso pensarla in questo modo? Voi cosa ne dite? Sottolinea questa situazione anche un recente studio americano

    Si tratta infatti di un’indagine pubblicata su Family Relations condotta da due ricercatori della Cornell University e dell’universita’ dell’Oklaoma.

    Oltre i due terzi della coppie conviventi intervistate da Sharon Sassler e Dela Kusi-Appouh hanno ammesso di essere terrorizzati delle conseguenze, sia legali, che economiche che psicologiche di un divorzio (proprio come accaduto recentemente a Kim Kardashian e al suo matrimonio-lampo) e proprio per questo motivo decidono di non sposarsi.

    Dall’indagine è anche risultato che le coppie del ceto operaio vedevano molto di più il matrimonio come un semplice pezzo di carta senza valore e come un trappola per il futuro. Proprio per questo sono molte di più le coppie di questo ceto sociale che decidono di non sposarsi.

    Le coppie della classe media, forse più abituate alle tradizioni, anche conviventi, si sono invece dimostrare più possibiliste sull’argomento e molte delle persone intervistate vedevano il matrimonio semplicemente come un ”passaggio naturale” dopo una convivenza.

    E il romanticismo di giurarsi amore eterno dove è finito?