Per le coppie gay a New York, matrimoni tramite lotteria!

da , il

    matrimonio gay new york lotteria

    Dopo l’approvazione delle nozze gay a New York le richieste sono state talmente tante che l’amministrazione comunale ha deciso di creare una lotteria per estrarre i primissimi fortunati che potranno coronare il loro sogno d’amore. Domenica prossima sarà il primo giorno in cui le coppie gay si potranno sposare e proprio per questo Michael Bloomberg, sindaco di New York ha indetto una lotteria per decidere chi sarà il primo a pronunciare il fatidico si!

    “L’ultima cosa che vogliamo è che ci siano coppie che aspettino ore e ore – ha dichiarato il sindaco Bloomberg al New York Times – Non vogliamo rovinare il giorno più bello della loro vita”. Ma ovviamente questa decisione ha anche creato vari malumori, come le proteste di Maria Romagnuolo che domenica avrebbe dovuto sposarsi con Wendy Bloom-Romagnuolo, sua partner da 21 anni. Maria ha detto al Nyt che «la lotteria è una sciocchezza» e che l’unica cosa da fare sarebbe fare lavorare tutto il giorno i funzionari pubblici: «Lo devi fare – dice la quarantanovenne – Abbiamo già aspettato abbastanza. Adesso tocca a noi essere felici».

    “Secondo i calcoli dei funzionari comunali domenica prossima almeno 400 coppie si sposeranno nel distretto di Manhattan, 112 in quelli di Brooklyn e del Queens, 98 nel Bronx e 42 a Staten Island” fanno sapere fonti ufficiali. Proprio per questo a molti, quella della lotteria è sembrata un’idea perfetta.

    Per il primo giorno di nozze, sono infatti state presentate ben 2600 richieste di nozze (1728 da parte di coppie gay): chiaramente sarebbe impossibile celebrarle tutte e proprio per questo è stata indetta la lotteria per estrarre i più fortunati!